Studio Ingegneria Maggi studio di progettazione integrata ed ottimizzata | Dall’Agenzia delle Entrate la Guida al sismabonus per case in zona sismica 1
17155
single,single-post,postid-17155,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,vertical_menu_enabled,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-9.1.3,wpb-js-composer js-comp-ver-4.11.2.1,vc_responsive

Dall’Agenzia delle Entrate la Guida al sismabonus per case in zona sismica 1

j_60067_01

04 Ott Dall’Agenzia delle Entrate la Guida al sismabonus per case in zona sismica 1

L’Agenzia delle Entrate ha aggiornato la sua guida alle ristrutturazioni edilizie. Il testo è stato completato con le nuove agevolazioni per l’acquisto di case antisismiche in zona 1 introdotte con la Manovrina 2017 (DL 50/2017 convertito nella Legge 96/2017).

Acquisto di case antisismiche in zona sismica 1
Se gli interventi per la riduzione del rischio sismico, che danno diritto alle più elevate detrazioni del 70% o dell’80%, sono effettuati nei Comuni che si trovano in zone classificate a rischio sismico 1, mediante demolizione e ricostruzione di interi edifici, chi compra l’immobile nell’edificio ricostruito può usufruire di una detrazione pari, rispettivamente, al 75 o all’85% del prezzo di acquisto della singola unità immobiliare, come riportato nell’atto pubblico di compravendita, entro un ammontare massimo di 96mila euro.

Le zone classificate a rischio sismico 1 sono quelle individuate dall’ordinanza del Presidente del Consiglio dei Ministri 3519/2006.

Guarda in che zona sismica è il tuo comune

Condizioni per ottenere il sismabonus sull’acquisto di case antisismiche
Per ottenere il bonus, spiega la guida, gli interventi devono essere eseguiti da imprese di costruzione o ristrutturazione immobiliare che acquistano un vecchio immobile, lo demoliscono e ne costruiscono uno nuovo con criteri antisismici. L’alienazione degli immobili deve avvenire entro diciotto mesi dalla conclusione dei lavori.

La ricostruzione dell’edificio può determinare anche un aumento volumetrico rispetto a quello preesistente, sempre che le norme urbanistiche in vigore permettano tale variazione.

FONTE: www.edilportale.com

No Comments

Sorry, the comment form is closed at this time.