Studio Ingegneria Maggi studio di progettazione integrata ed ottimizzata | Ricostruzione post sisma ’76: al via un archivio storico del ‘modello Friuli’
17250
single,single-post,postid-17250,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,vertical_menu_enabled,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-9.1.3,wpb-js-composer js-comp-ver-4.11.2.1,vc_responsive

Ricostruzione post sisma ’76: al via un archivio storico del ‘modello Friuli’

friuli-1976_2001-1000x600

09 Gen Ricostruzione post sisma ’76: al via un archivio storico del ‘modello Friuli’

L’idea è quella di creare un archivio storico contenente tutta la documentazione tecnico amministrativa relativa alle opere della ricostruzione del Friuli dopo il sisma del 76.

Per valorizzare il modello di ricostruzione realizzato in Friuli Venezia Giulia dopo il sisma del ’76, la giunta regionale, su proposta dell’assessore alle Infrastrutture e Territorio, Mariagrazia Santoro, ha approvato lo schema di accordo di collaborazione tra la Regione e l’Università degli Studi di Udine.

«La segreteria generale straordinaria del terremoto ha raccolto, nei decenni, un materiale tecnico importante che è stato oggetto di ricerche puntuali, ma mai sistematiche – ha spiegato Santoro -. Abbiamo stanziato già l’anno scorso i fondi per questo archivio tecnico dedicato alla ricostruzione in modo da recuperare tutti i materiali e la sapienza tecnica così da rendere reale il ‘modello Friuli». L’avvio del progetto coinvolgerà anche gli ordini professionali e l’Associazione dei Comuni terremotati e sindaci della ricostruzione, tenuto conto dell’apporto sostanziale reso dal coordinamento Regione-Autonomie locali ai fini del buon esito del ‘modello Friuli’. «Un coinvolgimento importante, assieme al contributo tecnico dell’Università di Udine perché il sapere non vada disperso» ha osservato Santoro.

Per fare questo sono state messe a disposizione sia risorse regionali, per ora quelle iniziali ammontano a 190 mila euro, più un cofinanziamento di 40 mila euro da parte del dipartimento Politecnico di ingegneria e architettura dell’ateneo udinese.

Il punto di partenza è il cosiddetto Modello Friuli dove per la prima volta si è sperimentata la prima vera esperienza coordinata di interventi di adeguamento, consolidamento e miglioramento sismico di edifici esistenti, attuati secondo linee guida regionali preparate ad hoc in assenza di normative nazionali sul tema
Purtroppo ad oggi tutta la documentazione tecnico progettuale della ricostruzione non risulta sistemata e catalogata per cui con questo progetto si mira a rendere disponibile in un unico archivio, e anche in forma digitale, un insieme di informazioni e materiale tecnico utile per approfondire e studiare il ‘modello Friuli’.

FONTE: www.ingenio.it

No Comments

Sorry, the comment form is closed at this time.